...
🧑 💻 Recensioni e notizie dal mondo dei programmi, automobili, gadget e computer. Articoli su giochi e hobby.

Apple vs. Epic: la sentenza è arrivata e ora diventa complicata

1

DenPhotos/Shutterstock

Dopo un anno di contenzioso, il giudice Gonzalez Rogers ha emesso un’ingiunzione permanente nel caso Epic vs. Apple, costringendo Apple a consentire i collegamenti di acquisto in uscita nelle app iOS entro il 9 dicembre. Sembra una vittoria per gli sviluppatori di app, ma il CEO di Epic Tim Sweeney considera il processo un fallimento e molto probabilmente farà ricorso contro la decisione, secondo il giornalista tecnico di NPR Bobby Allyn.

La storia che porta a questa ingiunzione è un gran pasticcio, quindi facciamo un breve riassunto. Secondo l’attuale politica di Apple, tutti gli acquisti iOS in-app devono passare tramite l’App Store. È un modo ambiguo per Apple di controllare l’esperienza iOS, ma soprattutto consente ad Apple di ottenere un taglio del 30% di tutte le vendite in-app su iPhone o iPad.

La maggior parte degli sviluppatori concorda sul fatto che questa commissione del 30% sia irragionevole e nell’agosto del 2020 Epic Games ha deciso di fare qualcosa al riguardo. La società ha bloccato un sistema di pagamento in uscita nella sua app iOS Fortnite e ha offerto uno sconto del 20% su tutta la valuta di gioco acquistata tramite questo sistema. Non sorprende che Apple abbia risposto rimuovendo Fortnite dall’App Store, dando a Epic Games la scusa perfetta per aprire una causa antitrust.

Da quando è stata aperta la causa, Apple ha compiuto uno sforzo consapevole per incoraggiare la concorrenza all’interno e all’esterno del suo ecosistema di prodotti. Ad esempio, ha annunciato una forte riduzione delle tariffe dell’App Store e ha ritardato il lancio di AirTags per portare prodotti di terze parti nella sua rete Trova il mio. (Microsoft e altri giganti della tecnologia hanno assunto un tono simile " aperto e sicuro " nell’ultimo anno, segno che sono preoccupati di cadere nel mirino di Epic Games.)

Quindi, mentre Epic è riuscita ad allentare la presa dell’App Store sugli acquisti in-app, non è riuscita a convincere il tribunale distrettuale degli Stati Uniti che Apple ha il monopolio. Apple ha celebrato questo fatto in un’e-mail a The Verge – "la Corte ha affermato quello che sappiamo da sempre: l’App Store non viola la legge antitrust".

Epic ritiene inoltre di non aver apportato una seria modifica all’App Store di Apple. Sebbene Apple debba consentire collegamenti esterni nelle app iOS, non consentirà comunque agli sviluppatori di inserire sistemi di pagamento personalizzati all’interno delle loro app. Tim Sweeney ha chiarito la sua delusione in un post su Twitter affermando che "Fortnite non tornerà su iOS fino a quando "Epic può offrire pagamenti in-app in concorrenza leale con Apple".

Per aggiungere la beffa al danno, il tribunale ha stabilito che Epic Games deve fornire un risarcimento di 3,5 milioni di dollari ad Apple. Questo accordo è una riduzione del 30% degli oltre $ 12 milioni che Epic ha guadagnato reindirizzando i giocatori di Fortnite a un sistema di pagamento esterno nel 2020. (Una goccia nel mare per Epic Games e, francamente, un piccolo prezzo da pagare per le modifiche agli App Store che potrebbe svilupparsi nei prossimi mesi.)

Se i primi rapporti (e il buon senso) sono corretti, Epic Games farà appello alla sentenza del tribunale distrettuale degli Stati Uniti. Ciò potrebbe portare a ulteriori modifiche all’App Store se Epic Games può presentare un caso antitrust convincente contro Apple.

Fonte: Corte distrettuale degli Stati Uniti, distretto settentrionale della California tramite The Verge

Fonte di registrazione: www.reviewgeek.com

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More