...
🧑 💻 Recensioni e notizie dal mondo dei programmi, automobili, gadget e computer. Articoli su giochi e hobby.

Ricordando Vlingo: l’assistente vocale che è quasi diventato lo standard della casa intelligente

1

Josh Hendrickson

Facciamo un passo indietro nel tempo prima dell’Assistente Google, Siri o Alexa. Un tempo in cui le case intelligenti erano un’idea quasi sconosciuta e i comandi vocali erano (ancora di più) terribili. Nel 2007, il mondo ha visto il lancio di Vlingo ed è quasi diventato l’assistente vocale che tutti userebbero oggi.

Potresti lamentarti del fatto che gli assistenti vocali sono terribili oggi, ma è solo perché o non hai mai lavorato con programmi di comando vocale prima del 2010, o la tua mente ha cancellato il trauma dalla tua memoria. Ho una Prius abbastanza grande da poter utilizzare la tecnologia dei comandi vocali di quell’epoca, ed è letteralmente la peggiore. Puoi pronunciare solo comandi precisi che sono prescritti. Se sbagli una parola, non ti capirà. Peggio ancora, devi aspettare un messaggio ogni volta prima di parlare. E ogni comando richiede un comando di conferma di follow-up seguito da un altro comando di sottomenu. Se sbagli qualcosa lungo la strada, devi ricominciare da capo.

Il tentativo di utilizzare i comandi vocali per effettuare una telefonata nella mia vecchia Prius può richiedere cinque minuti. E quindi non lo uso mai. È molto diverso da quello che abbiamo oggi con Google Assistant, Alexa e persino Siri. Ma quando Vlingo è stato lanciato nel 2007, era già un passo avanti rispetto a qualsiasi cosa sul mercato.

Vlingo era il Siri originale (no davvero!)

Ricordando Vlingo: l'assistente vocale che è quasi diventato lo standard della casa intelligente

Josh Hendrickson

Se hai anche una conoscenza fugace degli assistenti digitali, potresti pensare che Apple abbia iniziato tutto con Siri. Ma non è del tutto vero, anche se sei sulla strada giusta. Vlingo è stato lanciato quattro anni prima che Apple introducesse Siri come componente integrato dell’iPhone 4S. Prima di ciò, Siri stesso è stato lanciato come app iOS autonoma all’inizio del 2010 con l’intenzione di creare una versione Android lungo la strada. Ma due mesi dopo il rilascio di iOS, Apple ha acquistato la società che ha creato Siri, ponendo fine a quei piani. E sebbene Siri si affidasse a Nuance al momento del lancio per il suo motore di riconoscimento vocale, originariamente utilizzava Vlingo durante la fase di sviluppo.

Potresti pensare che Siri sia passato a Nuance perché all’epoca aveva un sistema di riconoscimento vocale migliore, ma non è necessariamente così. In un’intervista con 9to5Mac all’epoca, il co-fondatore di Siri ha affermato che la tecnologia di riconoscimento vocale di Nuance era "meno importante di quanto si pensi" e che il principale catalizzatore del passaggio era la proprietà intellettuale (IP), questo è un fattore che verrà fuori in seguito.

Ma anni prima ancora che Siri lanciasse la sua app iOS, Vlingo fu lanciata come app Java per telefoni cellulari. Perché un’app Java? Perché stiamo parlando del 2007, prima del primo telefono Android e prima che Apple lanciasse l’App Store per iPhone. Potrebbe essere difficile da ricordare, ma il primo iPhone non aveva affatto un app store. E all’epoca, se non volevi un iPhone, le poche alternative per smartphone esistenti utilizzavano le app Java per fornire loro nuove funzionalità, e spesso era l’utente a cercarle su un sito shareware.

La versione originale di Vlingo si comportava in modo molto simile al pulsante del microfono sulla tastiera del telefono ora. Se volevi inviare un messaggio vocale, hai avviato Vlingo, pronunciato il tuo comando e l’app ha inviato le tue parole a un server cloud, convertito in testo digitale e poi di nuovo sul tuo telefono. Se suona familiare, è essenzialmente così che funzionano tutti gli assistenti digitali ora.

Ancora meglio, imparò Vlingo. Se non traduceva correttamente la tua voce in testo, potresti correggerla e quelle correzioni sono passate a un algoritmo di apprendimento automatico per aiutarne l’accuratezza in futuro. Non passò molto tempo prima che Vlingo rilasciasse un’app per iOS e Android in grado di eseguire ricerche su Google Maps o sul Web, inviare messaggi di testo o e-mail, salvare promemoria, effettuare chiamate e leggere i tuoi messaggi ad alta voce.

Vlingo aveva persino una modalità veicolo che creava un’interfaccia adatta alle auto che la rendeva più sicura da usare durante la guida, come oggi Android Auto o Carplay. E questo è in aggiunta alle offerte Blackberry, Symbian e Windows Phone. Anche la recensione di Engadget dell’iPhone 4S ha notato che Siri non stava facendo nulla "… senza precedenti, app come Vlingo fanno cose simili altrove".

Vlingo ha anche collaborato con Samsung per incorporare la tecnologia nel suo assistente vocale alle prime armi, S Voice, e Vlingo è stata per un po’ un’app predefinita sui dispositivi Samsung.

Vlingo aveva l’ambizione di fare molto di più

Quando Apple ha integrato Siri in iPhone, Vlingo aveva una seria concorrenza. Google alla fine ha sviluppato la sua interpretazione del concetto, che ora chiamiamo Google Assistant. Microsoft ha creato Cortana, anche se non è andata come sperava l’azienda. Nuance ha creato Dragon (Go) e anche altri sviluppatori più piccoli si sono cimentati con gli assistenti vocali.

E mentre Vlingo una volta aveva un vantaggio nei comandi vocali naturali e nelle correzioni fornite dall’utente, le altre opzioni hanno raggiunto rapidamente. Vlingo ha perso parte della sua notorietà e alla fine è diventato noto come " alternativa Siri per Android ". Ciò nonostante sia precedente a Siri e offra un’app iOS.

Ma Vlingo aveva una visione per il futuro che all’epoca sembrava poco plausibile: un assistente vocale digitale su molti dispositivi in ​​grado di realizzare qualsiasi cosa, dall’acquisto di biglietti a un concerto alla creazione di una lista della spesa. Guarda questo video di Vlingo del 2012 che mostra i suoi obiettivi per il futuro:

Vlingo ha immaginato un futuro con la sua app di assistente digitale su telefoni, tablet e persino smart TV. Ora tieni presente che questo è il 2012 quando le smart TV non sono così onnipresenti come adesso. Allora hai pagato un extra per una smart TV invece di acquistarne una perché è l’unica scelta.

E sì, il video è raccapricciante, ma considera i concetti sulla dimostrazione in esso contenuti. Vlingo viene mostrato mentre cambia canale, offre notizie recenti, fornisce lo stato del serbatoio del gas per auto, sposta gli appuntamenti, aiuta a prenotare voli, trovare indicazioni stradali e altro ancora. Possiamo fare molto di questo ora con Alexa o Google Assistant, ma anche dopo tutti questi anni, alcune di queste funzionalità non esistono e nessuna funziona così bene.

Vlingo non prevede tecnicamente la casa intelligente qui e non mostra il controllo della luce o della presa. Ma non è troppo sorprendente. All’epoca gli onnipresenti gadget per la casa intelligente erano a distanza di quasi un decennio e persino l’altoparlante Echo alimentato da Alexa di Amazon non presentava funzionalità di casa intelligente quando è stato lanciato nel 2014. Non è difficile immaginare che quando le luci intelligenti e altri dispositivi intelligenti sono diventati comuni, Vlingo avrebbe aggiunto il loro controllo alle sue capacità. Dopotutto, era molto più avanti di tutta la concorrenza in ciò che poteva fare e ciò che sperava di fare.

Allora, cosa è successo a Vlingo?

Ricordando Vlingo: l'assistente vocale che è quasi diventato lo standard della casa intelligente

Josh Hendrickson

Probabilmente ti starai chiedendo "se Vlingo era molto meglio di tutta la concorrenza, perché non lo usiamo oggi?" A volte essere i migliori non garantisce la sopravvivenza. In alcuni casi, accelera solo la morte. Nuance ha notato presto Vlingo e ha deciso che voleva sbarazzarsi della concorrenza. Ricordi un po’ prima che Nuance avesse più IP a portata di mano di Vlingo? È qui che entrano in gioco queste informazioni.

Nuance ha deciso che il modo più semplice per rimuovere Vlingo dal campo di gioco era acquistarlo. Ma quando ha offerto un numero basso, i fondatori di Vlingo hanno detto di no. Quindi Nuance ha provato un approccio diverso: ha citato in giudizio Vlingo per violazione di brevetto. Lo scopo non era vincere per il bene dei brevetti, badate bene. L’obiettivo era svalutare Vlingo e renderlo più debole.

Vlingo si oppose con le proprie cause sui brevetti e iniziò il lungo viaggio di dispute giudiziarie. Dopo tre anni, Vlingo ha vinto il primo processo e il giudice ha stabilito che Vlingo non ha violato nessuno dei 30 brevetti rivendicati da Nuance. Tieni presente che tutto ciò è accaduto contemporaneamente al resto di questa storia; la prima decisione del processo è avvenuta nel 2011, intorno al lancio di Siri con iPhone 4S. E Nuance ha alimentato Siri.

Nuance potrebbe aver perso la battaglia, ma probabilmente è riuscita a rallentare Vlingo abbastanza a lungo da consentire agli altri di recuperare. Dopo aver perso il processo, Nuance è tornato a Vlingo con una nuova offerta di acquisto a un prezzo più alto e Vlingo ha accettato. Tutte le promesse per un futuro alimentato da Vlingo sono morte lì. Nuance non ha continuato il programma e ha persino chiuso Dragon (Go), il suo assistente digitale. In questi giorni il più vicino che otterrai è Dragon Anywhere, che funge più da app di sintesi vocale, non da assistente digitale completo.

Ed è anche un peccato. Se non fosse stato per decisioni puramente aziendali, avremmo potuto avere controlli simili ad Alexa negli anni domestici prima. E meglio ancora, senza stretti legami con Amazon (o Google nel caso di Google Assistant). Non è difficile immaginare che la morte di Vlingo abbia ritardato di anni le case intelligenti a controllo vocale. E alla fine ci ha dato le case intelligenti con giardino recintato in cui viviamo. Alla fine ci siamo arrivati, ma il futuro non è così brillante come avrebbe potuto essere.

Fonte di registrazione: www.reviewgeek.com

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accept Read More